Luciano Coviello (a destra) viene premiato dal dirigente Vito Gerardi